Menu

Controllo di Qualità

Gestione della qualità del progetto

Per “gestione della qualità” si intende un approccio specifico ed una particolare attenzione alla creazione del prodotto, ed ai meccanismi da adottare all’interno di ciascuna fase produttiva.
Lo scopo di questa metodologia è monitorare la produzione, i processi e le procedure progettuali, al fine di garantire che questi rientrino negli standard di qualità.

Le procedure di valutazione della qualità si basano su regole specifiche e punti cardine che definiscono le modalità di svolgimento delle attività del progetto, dettando indicazioni sulla preparazione di documenti, istruzioni per la cooperazione interna e tempi per le revisioni.

ARCADIA SIT propone due step di monitoraggio delle attività:

Primo step – Fasi attive di evoluzione del progetto

  • Riunioni periodiche e pianificate: sono eventi formali cui partecipano il rappresentante del contraente, (responsabile del progetto), ed il responsabile del cliente, con l’obiettivo di definire le basi del progetto e pianificare le azioni future da intraprendere.
  • Riunioni di Project Management
    • Relazione sulle azioni precedenti
    • Relazione del Project Manager (monitoraggio delle attività)
    • Relazione del Task Manager (gestione delle attività)
    • Recensione sul piano di lavoro
    • Identificazione del livello di conformità del progetto con il processo organizzativo stabilito
    • Individuazione delle problematiche basate sull’analisi dei risultati tecnici
    • Recensione riportante eventuali richieste
    • Identificazione dei rischi basata sulla valutazione dei progressi del progetto e delle aree problematiche
    • Individuazione delle azioni correttive
    • Programmazione delle azioni successive
    • Pianificazione della prossima riunione
    • Discussione lo stato del bilancio
  • Riunioni tecniche su temi specifici del progetto
    • Identificazione dei problemi fin dal loro sorgere, al fine di correggerli prima che siano aggravati nelle fasi successive del progetto
    • Determinazione degli elementi che soddisfano pienamente gli obiettivi prefissati
    • Identificazione delle potenziali aree di rischio tecnico nel progetto da poter gestire man a mano che il progetto Avanza
    • Riunioni tecniche convocate dal responsabile del progetto che decide chi deve occuparsene.

Secondo step – Monitoraggio e segnalazione del progetto

Per questa azione ARCADIA SIT propone un monitoraggio del sistema web che consente di aggiornare e verificare ogni fase come tempistica, avanzamento del lavoro, documentazione tecnica e amministrativa.

La segnalazione del progetto rappresenta la base per la gestione e la valutazione amministrativa dello stesso, questa attività prevede la raccolta e la diffusione delle informazioni riguardanti il modo in cui le risorse vengono utilizzate per raggiungere gli obiettivi prefissati, e la valutazione dello stato di avanzamento del progetto, in base al piano di lavoro.

Sono quindi previsti i seguenti livelli di segnalazione:

  • Documento con i requisiti dell’utente
  • Rapporti sui progressi
  • Rapporti di qualità
  • Altre relazioni su temi specifici del progetto
  • Relazione finale
  • Gestione dei documenti scritti

L’implementazione del sistema si basa su una piattaforma OpenERP eseguita su web, che permette una visione immediata degli stati e della comunicazione, attraverso un’interfaccia semplice e strutturata, questa piattaforma può essere consultata e modificata da qualsiasi utente autorizzato, in conformità con le autorizzazioni che determinano quali dati e funzioni sono accessibili per ciascun utente, inoltre permette, per ogni attività, di specificare quali documenti devono essere realizzati, chi deve produrli, la loro accettazione o richiesta di revisione.

Integrando la piattaforma del flusso di lavoro con il nostro prodotto WebGIS è possibile monitorare lo stato di avanzamento della produzione di dati in modo geografico, e con il vantaggio delle funzioni G.I.S., tra le principali troviamo la gestione dei dati cartografici, la visualizzazione di mappe e temi, navigazione cartografica, analisi spaziale e supporto di una rappresentazione geografica facile e sintetica dello stato del progetto.

Le aree principalmente interconnesse sono:

  • Gestione del progetto ( Task – Fasi – Tempi – Risorse)
  • Comunicazione (comunicazione tra le parti – pubblicazione di documenti – rapporto di prova – archiviazione di documenti)
  • Controllo di qualità (Definizione del processo di controllo della qualità – Documentazione del test – Procedure – Errore nel report – Note correttive – Pianificazione del meeting)

In OpenERP, un progetto è rappresentato da una serie di attività da completare, l’impostazione del processo, gestita dalla piattaforma WorkFlow Manager, è realizzata con la logica dei processi annidati, fornendo un flusso principale di attività, ognuna delle quali è costituita da una serie di passaggi specifici, i progetti hanno una struttura ad albero che può essere suddivisa in fasi e sottofasi, come mostrato dall’immagine seguente.

quality_01

I conti analitici esaminano le attività passate della società, mentre il ruolo del Project Management è la pianificazione delle attività future. Anche se esiste uno stretto legame tra i due, (come nel caso in cui un progetto sia stao pianificato e poi completato tramite OpenERP), sono ancora due concetti diversi, ognuno dei quali contribuisce in modo specifico a un processo lavorativo flessibile.

Fasi principali per monitorare il flusso di lavoro

L’amministratore può definire un nuovo progetto, attribuirgli un nome ed inserirlo in una gerarchia come figlio di un progetto padre, assegnandogli inoltre un project manager, viene stabilita anche la durata generale del lavoro, segnalando la data di inizio e la data di fine, e sulla “scheda Amministrazione” si visualizzano le informazioni su Tempo pianificato e Tempo trascorso sul progetto, in base al lavoro svolto.

Fase di programmazione

  • Definizione e pianificazione delle fasi del progetto, eseguite dall’amministratore
  • Diagramma di Gantt
  • Risorse di allocazione
  • Definizione orario di lavoro
  • Definizione dell’allocazione delle risorse del progetto

Compito di lavoro
Una volta che un progetto è stato definito, l’utente può inserire i compiti da eseguire, creare un nuovo compito e assegnarlo ad un progetto esistente, basandosi su:

  • Gestione delle attività
  • progressione
  • Esecuzione
  • Delega
  • Controllo della progressione della Task

quality_02

Memorizzazione di documenti allegati

Per qualsiasi oggetto in Open ERP vi è una sessione che consente all’utente di allegare documenti esterni. OpenERP indicizzerà i documenti di tipo .doc, .pdf, .sxw e .odt, in modo da poter cercare senza difficoltà il loro contenuto.

Flusso del processo

Molti documenti hanno un proprio flusso di lavoro e partecipano anche a processi interfunzionali.

quality_03

Dashboards

A differenza della maggior parte degli altri sistemi ERP e dei classici sistemi basati sulle statistiche, OpenERP fornisce dashboard per tutti gli utenti del sistema, e non solo per manager e contabili. Ogni utente può avere il proprio Dashboards, adattato ad esigenze specifiche, in modo da poter svolgere le poprie attività in modo efficace, ad esempio, uno sviluppatore che utilizza Project Dashboard può visualizzare statistiche dettagliate ed informazioni come un elenco di attività aperte, attività delegate a lui e un’analisi dei progressi dei progetti pertinenti, i Dashboards sono dinamici e consentendo all’utente di navigare facilmente intorno all’intera base di informazioni.

quality_04

 

Statistiche e prestazioni :

  • Statistiche accurate
  • Avanzamento delle attività
  • Ritardi di chiusura
  • Personalizzazione dashboard
  • Statistiche dinamiche
  • Filtro
  • Analisi approfondite

Diagramma di Gantt, calcolato per la prima consegna

L’utente può impostare l’orario di lavoro nel file di progetto e richiamare un diagramma di Gantt dello stesso da “Attività”. Il sistema calcola quindi un piano di progetto per la consegna più rapida, utilizzando l’ordine delle attività e il tempo di lavoro necessario.

Controllo del set di dati della mappa di qualità

Il geodatabase potrebbe essere necessario per eseguire alcune ispezioni e attività di riparazione, standardizzazione e armonizzazione al fine di rendere i dati coerenti tra loro e migliorare la loro qualità. A tale scopo, sono state progettate procedure operative, test specifici e strumenti di controllo e supporto alla qualità dei dati, basati sull’utilizzo del GIS di ultima generazione, in conformità con gli standard nazionali ed europei.

Le seguenti procedure sono disponibili e riutilizzabili in processi simili:

  • Procedura per la selezione dei punti omologhi semiautomatici, con relativo calcolo dell’RMS e dell’errore residuo per ogni coppia di punti
  • Procedura per georeferenziazione di mappe catastali, con ottimizzazione dei tempi di produzione e del registro di produzione automatica
  • Procedura per il controllo della qualità dei punti del catasto con una base topografica di riferimento
  • Procedura per controllare / pulire la geometria degli elementi della mappa
  • Controllo della topologia delle particelle catastali
  • Procedure per il controllo deò mosaico e del geodatabase di produzione
  • Importazione delle tabelle dal registro di proprietà nel database e verifica di coerenza con elementi cartografici del catasto
  • Proceduzione per la messa in servizio dei punti della mappa rilevati durante le operazioni di rilevamento
  • Software per la gestione del flusso di lavoro e per il controllo della qualità dei dati, che assegna ad ogni fase: controllo di input e output, test, produzione di report
  • Domande per l’estrazione di campioni da convalidare e controllo sequenziale delle parcelle agricole, produzione di rapporti statistici

Procedure di topologia

Per il controllo della geometria e della topologia abbiamo sviluppato in linguaggio Python, una serie di procedure parametrizzate per rilevare errori, produrre report e in alcuni casi intervenire con automatismi per le correzioni.

Procedure di costruzione

In ArcGis utilizzando l’applicazione ModelBuilder è possibile creare, modificare e gestire i modelli. I modelli sono flussi di lavoro che collegano più strumenti di geoprocessing, automatizzando l’esecuzione dei tools e combinandoli in modo da ottenere procedure complesse. ModelBuilder può anche essere pensato come un linguaggio di programmazione visuale per la costruzione di flussi di lavoro, questo, è utile per la costruzione e l’esecuzione di flussi di lavoro semplici, ma può anche fornire metodi avanzati per estendere le funzionalità di ArcGIS consentendo di creare e condividere i propri modelli come strumento. ModelBuilder viene utilizzato anche per integrare ArcGIS con altre applicazioni. Un esempio è fornito di seguito:

quality_05